Dr. House e il Superuomo


Vedete, io sono un annunciatore del fulmine, sono una di quelle gocce che cadono dalla nube: quel fulmine si chiama Superuomo. (Friedrich Nietzsche)

Nella serie, troviamo chiari riferimenti a vari filosofi, come ad esempio Nietzsche. Uno dei problemi principali della serie, è il problema degli atteggiamenti morali del Dr. House. È facile riconoscere che ci sono somiglianze tra l’atteggiamento di House e l’ideale della vita morale delineata da Nietzsche nel Superuomo. Nella sua rivalutazione della moralità, Nietzsche ha sostituito le categorie etiche con l’estetica. Il suo progetto è una forma di estetica moralizzante, nega la moralità in cui l’individuo accetta i principi etici socialmente accettati. La vera moralità, aristocratica e cavalleresca, si basa su di lui sulla libertà e il potere di modellare autonomamente la propria vita. In questo modo, Nietzsche identifica la moralità con l’abilità e la capacità di plasmare la propria vita come un’opera d’arte. Una simile forma di moralità estetica si può trovare nell’atteggiamento del personaggio principale della serie Dr. House. Questo articolo tenta di spiegare queste somiglianze.

Moralità aristocratica e rigore di House

La caratteristica fondamentale del Superuomo nietzschiano è il rifiuto dei principi morali, al fine di diventare un uomo libero, reale, risorto. Il Superuomo non infrange i principi morali, li ignora. Le regole morali non sono necessarie. Nonostante la mancanza di rispetto per i principi morali, il Superuomo di Nietzsche non è un cattivo. Al contrario, è un uomo nobile nel senso che è al di sopra della gente comune e le sue azioni sono guidate da una responsabilità personale.

House, fa lo stesso, come uomo libero e forte, non esita ad accettare norme socialmente accettabili o ciò che gli altri pensano di lui. Questi altri sono schiavi di coloro che non possono agire responsabilmente. Le norme sono necessarie per loro. Per lui invece non sono necessarie, perché può agire responsabilmente indipendentemente dagli standard morali, o persino contro di loro. House, come un Superuomo, non presta attenzione a quello che gli altri pensano nei suoi confronti. È come un artista che crea il proprio lavoro, cioè sé stesso. E che lo insulta essere paragonato agli altri. Questi altri sono in realtà uno strato sociale comune inferiore. Il Superuomo, d’altra parte, appartiene allo strato superiore, aristocratico. L’appartenenza a questa élite deriva dalla certezza di House riguardo alla sua competenza. Queste competenze sono la base del fatto che non considera nessuna regola. L’affiliazione di House all’aristocrazia, nel senso nietzschiano,  è già evidente nel suo modo di vestire, mangiare e passare il tempo libero. Il suo modo di essere non corrisponde all’immagine di un dottore venerato. Lui guida mezzi pericolosi, va con le prostitute, non indossa il camice, passa le sue serate nei pub, abusa di antidolorifici, fa commenti provocatori e non si fa scrupoli ad intromettersi negli affari personali delle altre persone. Si prende gioco di quelli che sono d’accordo con le sue diagnosi. Nella moralità accettata, tali comportamenti sono valutati come grossolani e primitivi, perché non considerano le altre persone, ma mirano solo a raggiungere i propri obiettivi personali e i propri piaceri. È completamente diverso con House. La sua arroganza e brutalità non sono fatte per ferire gli altri. Con il suo comportamento non vuole eliminare i rivali dal suo percorso. Il suo comportamento violento mira a raggiungere un risultato positivo nelle altre persone. House mira a liberare poteri nascosti in loro, che grazie al suo comportamento, scoprono la verità sulle loro preoccupazioni e problemi, trovano modi per affrontare i loro “incubi” e metodi di trattamento a cui non avrebbero nemmeno pensato.

House non rispetta i principi morali socialmente riconosciuti come obbligatori, quindi come un Superuomo nella visione di Nietzsche, è percepito come immorale e malvagio. Il criterio del bene e del male per lui sono gli effetti dell’azione. Se sono positivi, l’azione è buona e se negativi l’azione è cattiva. Quindi il suo modo di riferirsi ai pazienti è buono, se porta gli effetti desiderati, vale a dire, porta ad una corretta diagnosi o ad ottenere il consenso per il trattamento.

Uno degli slogan che dominano la serie è che “Tutti Mentono”. Quindi mente anche House. Nel frattempo, secondo Nietzsche, una bugia è una caratteristica. Le persone libere e sovrannaturali non mentono. Un esame più attento delle menzogne ​​nella serie mostra che il comportamento di House, sebbene superficialmente, può sembrare contraddire le aspettative di Nietzsche sull’atteggiamento del Superuomo, ma in realtà non è così.

Le bugie di House sono diverse dalle bugie degli altri personaggi. Questi ultimi mentono per paura o sentimenti di impotenza di fronte a una situazione difficile, sia personale che professionale. A causa delle loro stesse bugie, si sentono in imbarazzo e si sentono in colpa. Per via della convinzione di fare un qualcosa di male, di commettere un reato morale. Invece con House è diverso. Le sue bugie non sono una difesa spaventosa contro le minacce, ma sono una sintesi tattica, che mira a raggiungere un obiettivo positivo. Non pensa mai di aver fatto qualcosa di sbagliato mentendo. L’effetto è importante per lui. Se può essere raggiunto solo al prezzo di una bugia, lo commette. Ha la sensazione di non essere vincolato da alcuna legge, perché ha qualità che lo mettono in una posizione privilegiata, al di fuori di ogni regola. La base di queste qualità è una conoscenza superiore, persino esoterica. Sebbene House non sia interessato al destino dei pazienti, allo stesso tempo li tratta in modo più soggettivo di altri medici, come per esempio Wilson. House dice ai pazienti la verità. Lo fa di solito senza guardare a forme di cortesia. Usa anche metodi per intimidire un paziente o la famiglia stessa del paziente per ottenere il consenso. Capita che li inganni consapevolmente, ma solo se sa che si comportano in modo irrazionale. In questi ultimi casi, sembrerebbe che abbiamo a che fare con una certa manipolazione. House, tuttavia, la giustifica con il bene del paziente perché la priorità è la guarigione. Fa ciò che è buono per i pazienti, anche se non lo vogliono. Non vogliono il loro bene perché non riescono a capire cosa è meglio per loro. Non riescono a capirlo perché mancano di saggezza. House lo cattura in un modo più brutale, sostenendo che sono idioti. I pazienti non sanno cosa è buono per loro per vari motivi. A volte perché sono influenzati da qualcun altro, a causa di informazioni incomplete. I pazienti non sono informati, incluso perché non sono dottori. Non comprendono il cuore della malattia, l’essenza della terapia o le sue minacce. La mancanza di questa comprensione è spesso dovuta all’impossibilità di comprendere termini medici o principi di fisiologia.

L’atteggiamento di House nei confronti dei pazienti si basa sul principio che egli conosce meglio ciò che è meglio per loro. A suo parere, il paziente dovrebbe ricevere ciò di cui ha bisogno e non ciò che vuole. Infatti i pazienti dopo ammettono che House aveva ragione e sono grati di aver agito contro la loro volontà. Così, House percepisce le persone come schiave, incapaci di pensare in modo indipendente e autonomo.

House reputa che il comportamento dei medici, che si sforzano di essere cortesi e pieni di tatto, per ottenere la fiducia del paziente, sia una forma di manipolazione clonata. Dichiara esplicitamente che la cura per la fiducia del paziente ha il solo scopo di facilitare la manipolazione del paziente. House appare come un utilitarista, per il quale il valore supremo è l’effetto dell’azione. Allo stesso tempo, il Superuomo nietzschiano è consapevole che può prendere decisioni per gli altri, perché a causa della mancanza di conoscenza, cecità emotiva o superstizione, gli altri commettono errori.

House come insegnante di azione creativa

House come Zarathustra insegna ai suoi collaboratori a pensare e agire in modo creativo, senza guardare i libri, le abitudini adottate e le procedure applicabili. Nell’educazione dei colleghi, House usa il metodo socratico, la maieutica, facendo domande senza rispondere. Tuttavia, a differenza di Socrate, House si comporta in modo molto brutale nei confronti dei suoi “studenti”. L’obiettivo è di educare i colleghi ad acquisire la capacità di usare la propria immaginazione e correre il rischio di azioni non convenzionali. Allo stesso tempo, li ispira ad acquisire il coraggio necessario a fidarsi del proprio intuito. In altre parole, il coraggio è necessario per abbattere i modelli.

Per House, proprio come per Zarathustra, Dio è morto. Non devi aver paura di lui, non dovresti contare sul suo aiuto oppure sperare in una ricompensa del paradiso per una buona vita. Partendo da queste credenze. House è spietato con i suoi pazienti, non tiene conto del fatto che la speranza per un futuro migliore dopo la morte, può alleviare la sofferenza che accompagna gli ultimi momenti della vita. House afferma che nella vita si dovrebbero fare scelte basate su premesse razionali (corrette logicamente o empiricamente). Le decisioni non dovrebbero essere prese sulla base di false premesse, come la fede in Dio, l’aldilà, ecc. Rifiutando la fede in Dio, House riconosce che il significato della nostra vita dipende dalle nostre azioni.

Un elemento importante del pensiero creativo è la difesa delle ipotesi poste. La difesa dell’ipotesi è necessaria perché facilita il raggiungimento della verità. House non rinuncia mai alle sue ipotesi.

A volte, tuttavia, House ha torto. Suppone che l’investigazione della verità richieda un rischio di errore. Prende anche azioni ad alto rischio, vale a dire la morte del paziente, mettendo a rischio la sua carriera. House afferma di correre dei rischi che non sempre hanno successo, che a volte i pazienti muoiono e che muoiono più pazienti perché i medici non corrono rischi. Questo tipo di ragionamento rientra anche nel concetto del Superuomo di Nietzsche che agisce sempre in modo razionale e calcolatore. Assumendo azioni rischiose, a volte mettendo a rischio la propria carriera. House non è guidato dalle emozioni o da una sensazione di cura verso il paziente. Vuole solo guarirli, trattandoli come casi medici. Accetta solo casi complicati, perché vuole affrontare qualcosa di difficile. Tali casi sono una sfida per lui a superare i propri limiti e scoprire malattie nascoste. Considera il coinvolgimento emotivo con i pazienti un ostacolo a prendere le decisioni giuste. Le azioni motivate dai sentimenti sono per House, come per Nietzsche un’espressione dell’etica dello schiavo.

Nel frattempo, il Superuomo non è afflitto. Sa che ogni cosa, anche la più piccola, ha i suoi due lati. Pertanto, un uomo libero può affrontare tutti gli opposti. House valuta negativamente il sacrificio per l’umanità. Succede che House si dimette dalla ricerca della soluzione perfetta per un problema medico. Lo fa anche nel nome della conoscenza della verità che cerca ossessivamente. House si rivela un uomo libero dalla meschina adorazione delle sue stesse dimensioni. Per le stesse ragioni odia le lusinghe, non cerca onorificenze, premi o denaro. Valorizza coloro che sono in grado di opporsi a lui. È possibile in questo atteggiamento un analogia con il Superuomo nietzschiano, che disprezza la gente comune, rispetta i suoi uguali, vale a dire. Le persone libere e forti. L’atteggiamento di House solleva resistenza tra i suoi subordinati, ma anche inconsapevolmente diventano simili a lui. Così, dal punto di vista dell’etica schiava criticata da Nietzsche, gli associati di House peggiorano. Questo accade principalmente su Foreman. Da House, assume la fiducia in se stesso e insiste sulle sue diagnosi. Foreman, notando che comincia a comportarsi come House, decide di cambiare lavoro. Giudica negativamente l’atteggiamento di House. Dal punto di vista dell’etica aristocratica di Nietzsche, si potrebbe dire che Foreman ha paura di vivere come un uomo libero.

Conclusione

Ciò che fa guadagnare alla serie un sacco di visualizzazioni e il riconoscimento dei critici. Sembra essere il ruolo principale della ragione. L’eroe, House, è disgustato quando pensiamo a lui come a un dottore che ci curerebbe. D’altra parte, le sue azioni sembrano possedere qualche nobiltà. Questa è la nobiltà del Superuomo di Nietzsche. Forse ammiriamo questa nobiltà inconsciamente, sebbene non la comprendiamo. La nobiltà qui è che l’eroe della serie, nonostante la sua brutalità, fa del bene agli altri, e soprattutto è onesto, diretto, libero da ogni ipocrisia. Non c’è vanità o orgoglio in questo atteggiamento, ma come nel caso del Superuomo nietzschiano solo l’accettazione della verità su se stessi. Non accetta l’atteggiamento di falsa umiltà. Come un aristocratico sa della sua superiorità sulle persone del ceto inferiore, non deve fingere di essere diverso. L’atteggiamento di House nei confronti di molti spettatori sembra essere un ideale nascosto che vale la pena imitare.

A molti piacerebbe comportarsi come House, cioè vorremmo avere il coraggio e il potere, di dire agli altri onestamente cosa pensiamo di loro, di mostrare almeno ad alcune persone una mancanza di rispetto e disprezzo, di ignorare i diritti quando vincolano e limitano in modo ingiustificabile o irrazionale le possibilità di azione. Tali atteggiamenti, tuttavia, richiedono molta forza. Nel frattempo, la persona media si astiene da tali atteggiamenti per paura di essere messa al bando. La volontà di comportarsi come House rimane tra i sogni nascosti di ognuno di noi.

Lascia un commento